Georentiamoci


>> PRIMO PIANO

BANDI

CATASTO

COMPETENZE PROF.

CONDONO CATASTALE

CONVEGNI

CONVENZIONI

CORSI

NEWS

S.C.I.A.

SEMINARI

DOCFA 4.00.3 E GLI IMBULLONATI

Con il comma 22, articolo unico della legge 208/2015, ovvero la legge di stabilità 2016, sono state rese le disposizioni per l’adeguamento delle rendite catastali degli immobili a destinazione industriale e commerciale, censiti nel gruppo delle categorie “D” unità immobiliari speciali, per lo scorporo dalle stesse della quota parte afferente ai cosiddetti macchinari imbullonati.

Questi immobili,  in passato, in parte per giusta applicazione della normativa ed in parte per un’interpretazione fiscale della stessa, nel calcolo della rendita catastale sono confluiti anche il valore di macchinari, spesso solo in ragione della loro corposa mole fisica (forse ritenuta  carattere di immobiliarità), ma strumentali però solo alla produzione svolta nell’opificio e non impianti fissi tipologici di un fabbricato.



La nuova norma ha sradicato le ambiguità insorte, andando anche oltre nel sancire la totale dicotomia, da tenere presente nell’accertamento catastale, nel separare la valorizzazione  dell’immobile costituito da terreno, fabbricati, ogni manufatto edilizio ed impianti a servizio dello stesso da quella dei macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti, funzionali allo specifico processo produttivo.

Per l’adeguamento, a decorrere dal 1° gennaio 2016,  delle rendite pregresse attribuite secondo criteri diversi da quelli individuati dalla nuova legge, l’Agenzia delle Entrate ha varato una nuova versione (4.00.3) del programma DOCFA, disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia, che reca le seguenti  novità

- individuazione della sottocategoria per gli immobili a destinazione speciale;

- istituzione di un nuovo tipo di documento per l’adempimento di cui alla legge n. 208/2015 (legge di stabilità 2016) articolo unico, comma 22 per consentire la ripresentazione degli accatastamenti pregressi allo scopo di stralciare dal computo della rendita catastale   l’incidenza dei macchinari strumentali alla sola produzione svolta nell’opificio,  introdotta con la legge di stabilità 2016;

-  identificazione delle “Entità tipologiche di costruzioni ed aree” nella compilazione dell’elaborato planimetrico cosiddetto “corpo di fabbrica” per una migliore individuazione della specifica tipologia edilizia afferente ad un singolo corpo edilizio tra quello realizzati su un medesimo lotto edificato[1];

-  introduzione dell’obbligo di determinare la superficie catastale delle dichiarazioni afferenti la ripresentazione di planimetrie mancanti;

- adeguamenti informatici di carattere generale.

-  produzione della dichiarazione in formato PDF/A utile alla conservazione sostitutiva a norma in luogo di quella cartacea;

-  disposizioni per il censimento cantine-abitazione, indicazione corretta del piano, corte  comune nel caso di abitazione e pertinenze.

Come stabilito dalla  circolare n. 2/E dell’Agenzia delle Entrate del 1° febbraio 2016 a decorrere dalla stessa data i soggetti interessati dalla riduzione della rendita, possono presentare un documento di aggiornamento catastale con il quale sarà formulata una nuova rendita proposta, purché utilizzino la nuova versione della procedura, nella funzionalità “dichiarazione di variazione”.

Si tratterà di una pratica ordinaria che richiederà, l’allegazione di tutte le planimetri degli immobili (ancorché non variate rispetto a quelle depositate in catasto), dei  modelli descrittivi dei beni e della valutazione delle opere.

L’Agenzia delle Entrate avrà 12 mesi per validare o rettificare la rendita proposta dalla parte.

Per le richieste depositate in catasto entro  il 15 giugno 2016 le rendite catastali rideterminate hanno effetto dal 1° gennaio 2016. Per quelle presentate successivamente a tale data la rendita avrà effetto dalla data di registrazione in catasto della variazione, avendo la stessa effetto riduttivo.

Scarica la nuova versione Docfa.



Condividi  
 
Argomenti Associati

| NEWS |

Progetto Comfort 2019




ORARIO APERTURA UFFICIO

Avvisi

Si comunica che gli uffici di segreteria osserveranno i seguenti giorni e orari di ricevimento al pubblico:

  • mattina: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 12,00
  • pomeriggio: martedì e giovedì dalle ore 15,00 alle 17,00

 
SEMINARI: QUALI SUGGERISCI?

BIO EDILIZIA
INNOVAZIONE
PROGETTAZIONE
RISTRUTTURAZIONE
CATASTO TERRENI
CATASTO URBANO
TOPOGRAFIA
RICONFINAMENTI
AMBIENTE
SICUREZZA
LAVORI PUBBLICI
PREVENZIONE INCENDI



Risultati
Sondaggi

Voti: 529
Commenti: 0

Cerco/Offro Lavoro

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della provincia di Catania, dopo opportuni accordi con la Careerjet, offre l'opportunità di usufruire del relativo motore di ricerca.

Finanziamenti

Bandi